Danilo Buffa

Danilo Buffa

LEKTOR

Sycylijczyk z Palermo, nauczyciel włoskiego (certyfikat DILS-PG) z wieloletnim doświadczeniem zdobytym m.in. w Moskwie. Specjalizuje się w nauczaniu online poziomów B2, C1 i certyfikatach językowych.


Danilo Buffa: è un insegnante di italiano per stranieri. Le sue lezioni si svolgono prevalentemente online in modalità sincrona. Vive a Palermo, città in cui è nato e ha studiato e di cui è profondamente innamorato. Si è laureato con il massimo dei voti all’Università degli Studi di Palermo, in Lingue e Letterature Moderne dell’Occidente e dell’Oriente, specializzandosi nell’insegnamento delle lingue moderne. Dopo diverse esperienze di studio all’estero, è in Spagna che compie i primi passi nell’’insegnamento dell’italiano per stranieri, grazie ad una borsa di studio offerta dal Ministero della Pubblica Istruzione. A Mosca, invece, dove si era recato per scrivere la sua tesi di laurea sui luoghi, temi e personaggi italiani nella letteratura russa, ha iniziato una felice collaborazione con il Centro Italiano di Cultura, una delle più prestigiose scuole di italiano della capitale russa. Lì ha insegnato a gruppi di studenti adulti dal livello A1 al C1 e a studenti adolescenti dall’A1 al B1. L’esperienza moscovita è stata probabilmente la più importante e formativa. Lì ha appreso e fatto proprio il metodo comunicativo e ha studiato per conseguire la certificazione Dils – PG II, dell’Università per Stranieri di Perugia. A Palermo ha poi collaborato con International House – Language Centre. Qui ha continuato a formarsi con professionisti di alto livello e ha avuto la grande opportunità di lavorare con gruppi di studenti di diverse nazionalità e di sviluppare nuove competenze didattiche e strategie, come pure di affinare tecniche già apprese in passato. Attualmente collabora con diversi istituti e partecipa attivamente ai seminari di formazione di IH World. Tra le sue più grandi passioni, oltre alle lingue straniere e le loro letterature, ci sono i viaggi e la cucina, in particolar modo quella siciliana, che conosce abbastanza bene, anche in versione vegan.